drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

L’acqua nel Pianeta e nella Musica Musica

Per la presentazione di Acqua, l’Orchestra di Via Padova – al completo – ha scelto il Teatro Leonardo di Milano. Il disco è un concept album ispirato al problema della nutrizione planetaria, tema principale dell’Expo 2015. Undici inediti composti da autori diversi, ognuno dei quali vi porta la rispettiva cultura d’origine, la peculiare formazione musicale e, ovviamente, il proprio gusto.

Il risultato è un lavoro assolutamente originale, frutto del grande laboratorio sociale che l’Orchestra allestisce ormai da anni, coinvolgendo le tante comunità straniere che vivono nel territorio di Milano. “Via Padova” è, non a caso, la strada più multietnica del capoluogo lombardo, fucina di lavoro e interscambio per musicisti migranti.

Il concerto prende vita come un giro del mondo, attraverso le culture e i generi musicali, dal funky al blues, dalle ballate dell’Est Europa alle ritmiche latine, fino alla musica cantautoriale italiana. Il tutto sotto il comune denominatore del jazz, terreno di formazione di quasi tutti gli orchestrali.

Se Aziz Riahi si esibisce in un canto tradizionale del muezzin, Asi es Chincha di Juan Carlos Vega (voce) e Alfredo Munoz e Yamil Castillo Otero (percussioni) propone ritmiche e melodie sud americane giocate su una sorta di mitologia personale. Poi l’atmosfera si addolcisce grazie al suono del balafon, strumento tipico africano, di Abdullay Traorè, mentre i violini sfociano in una Ninna Nanna che fa da preludio a Dugukolo, brano che esprime la voglia di ringraziare e rispettare la Madre Terra. Gianluigi Carlone, ospite graditissimo, si esibisce ne Il Banchetto degli Ingordi, nel quale mette in risalto l’ingordigia dei potenti in un esplicito riferimento all’Expo. Infine, l’omaggio a Fabrizio De Andrè e alla sua Volta la carta, che lascia dentro ogni spettatore un senso di nostalgia e appartenenza artistica.

Il titolo del disco è un tributo alla più importante fonte di nutrimento del pianeta. Così il direttore artistico Massimo Latronico sulla copertina dell’album: «L’albero capovolto raccoglie il senso di questo nuovo lavoro, un albero da continuare a nutrire attraverso la sua linfa vitale: l’Acqua, elemento di vita, di cultura e di scambio, con la consapevolezza che ogni nostro gesto si riflette nel bene o nel male, su tutto l’ecosistema».

                                                                                               di Layla Dari


 
.



 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013