drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Toivon tuolla puolen
Beuys


(La redazione)
  Toivon tuolla puolen / Beuys
Data di pubblicazione su web 14/02/2017  

Toivon tuolla puolen
(The Other Side of Hope)

Le vicende di due sconosciuti sono destinate a incrociarsi. Il primo è Khaled, un rifugiato siriano che, giunto a Helsinki dopo aver viaggiato come clandestino su un mercantile, decide di fare richiesta di asilo benché nutra scarse speranze. L’altro è Wikström, un venditore ambulante di cravatte e camicie da uomo che lascia il lavoro per dedicarsi al gioco d’azzardo. La fortuna gira dalla sua parte: con i soldi vinti decide di comprarsi un ristorante nell’angolo più remoto della città. Messo al bando dalle autorità che ne bloccano le pratiche, decide di rimanere come clandestino nella capitale finlandese, vivendo per strada in un contesto di amicizia e di razzismo. La speranza sembra accendersi nel momento in cui Wikström trova Khaled addormentato nel cortile sul retro del ristorante. I due uniranno le proprie forze.

Il film racconta una storia di unione solidale frutto del caso cara al cinema di Aki Kaurismäki. Anche stavolta si profila una visione ottimistica sulla vita e sul futuro della società.

Proiezioni:

Martedì 14 febbraio, ore 16.00, Berlinale Palast (G, E)

Mercoledì 15 febbraio, ore 09.30, Friedrichstadt-Palast (E, G)

Mercoledì 15 febbraio, ore 18.30, Thalia Programmkino Potsdam (E, G), Berlinale Goes Kiez

Mercoledì 15 febbraio, ore 22.30, International (G, E)

Giovedì 16 febbraio, ore 12.30, Zoo Palast 1 (E, G)

Domenica 19 febbraio, ore 16.45, Berlinale Palast (E, G)

Una scena di
Una scena Toivon tuolla puolen

Beuys

Joseph Beuys chiamato anche “l’uomo con il cappello” è un artista visionario in anticipo sui tempi. Fu il primo tedesco a cui è stata dedicata un’intera mostra al Museo Guggenheim di New York. Eppure in patria alla sua opera è stata affibbiata l’etichetta spregiaiva di “trash più costoso di tutti i tempi”.

Nel documentario a lui dedicato a trent’anni dalla morte, Andres Veiel lascia che sia l’artista a parlare. Attingendo a precedenti montaggi audio e video, il regista dà vita a un ritratto di Beuys permeabile e “associativo” nel quale viene dato spazio alla riflessione piuttosto che a rigide dichiarazioni. Il film mostra l’artista impegnato in diversi tipi di attività, ma permette soprattutto di conoscerlo in quanto uomo, insegnante e attivista politico. In questo senso, il documentario di Vieil rende visibili le contraddizioni e le tensioni che hanno generato il concetto di “opera d’arte totale” (Gesamtkunstwerk) alla base di tanti dibattiti sociali, politici e morali di oggi.

Proiezioni:

Martedì 14 febbraio, ore 19.00, Berlinale Palast (E, G)

Mercoledì 15 febbraio, ore 09.30, Haus der Berliner Festspiele (E, G)

Mercoledì 15 febbraio, ore 12.00, Friedrichstadt-Palast (E, G)

Mercoledì 15 febbraio, ore 18.00, Friedrichstadt-Palast (E, G)

Mercoledì 15 febbraio, ore 21.30, Thalia Programmkino Potsdam (E, G), Berlinale Goes Kiez

Domenica 19 febbraio, ore 09.30, Zoo Palast 1 (E, G)

Una scena di Beuys
Una scena di Beuys



Berlinale 2017
(14/02)

Toivon tuolla puolen (The Other Side of Hope)
cast cast & credits
 
Beuys
cast cast & credits
 



 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013